#JoyClub6060: inizia il viaggio.

il


“Non hai paura?”, ho chiesto qualche settimana fa a Daniele.

Lui mi guarda un po’ sorpreso e risponde: “Paura? Starò al caldo, a correre sul tapis roulant, in mezzo alle persone. Non devo fare nulla di complicato. Comunque tranquillo, non correrò mai al limite.”

Il concetto di limite è variabile, specie per uno che sfida il Guinness dei Primati e si propone di correre 60 Maratone in 60 giorni consecutivi. Ma capisco cosa intenda Daniele.

L’impresa, che parte domenica 8 gennaio e si concluderà mercoledì 8 marzo 2017, si chiama Joy Club 6060, dal nome del centro sportivo di San Vendemiano, in provincia di Treviso, che la ospita. 

Daniele starà lì, ogni pomeriggio dal lunedì al sabato, dopo il lavoro (“che non sospenderò, non me lo posso permettere”), e la domenica mattina. Proverà a spostare l’attuale Guinness, pari a 52 Maratone consecutive, di questa particolare sfida di corsa. “E’ una sfida bellissima e non vedevo l’ora arrivasse questo giorno – mi ha detto Daniele – però in fondo io devo solo correre, che forse è la cosa che mi viene meglio. Devo mettere un piede dopo l’altro e avere la forza di restare sopra un tapis roulant per due mesi. Questo non è un sacrificio: i sacrifici nella vita quotidiana sono altri, ci sono tante cose più difficili e complicate al mondo che correre.”

 

Sono quasi due anni che conosco Daniele, la prima volta che l’ho visto è stata anche la prima che abbiamo corso insieme. Lo aspettavo nella piazzetta del paese dove abita. Era l’inizio di settembre del 2015 e io ero fuori allenamento, causa il caldo e le gozzoviglie estive. Ricordo che quando l’ho visto arrivare di corsa, occhiali da sole e sorriso allegro, ho pensato che si muovesse esprimendo serenità. “Un chilometro è sempre lungo un chilometro, ovunque lo corri. E il tempo che ci impiego per farlo non è un mio problema”, mi ha detto, mentre stavamo affrontando una salita, che evidenziava tutta la mia fatica.

Secondo il regolamento del Guinness, durante Joy Club 6060, Daniele avrà 7 ore per completare ogni Maratona, sessanta minuti in più rispetto al regolamento ufficiale internazionale della distanza percorsa su strada.

E questa avventura ha una finalità benefica: raccogliere fondi per le attività dell’Associazione Via di Natale ONLUS, che assiste i malati in cura presso il Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano (Pordenone) e i loro familiari.

“Questo è l’unico motivo per cui ci provo, se il record arriverà sarà una soddisfazione sportiva in più, ma non è il traguardo principale”, risponde Daniele quando gli si chiede perché lo fa.


Infatti, accanto al tapis roulant utilizzato da Daniele ne sarà posizionato un altro a disposizione di chiunque voglia accompagnare il runner, per una o più sessioni di 30 minuti, a passo libero, donando un’offerta minima di 10 euro per ciascuna sessione di 30 minuti, che sarà interamente devoluta a la Via di Natale. Le prenotazioni possono essere effettuate nello spazio presente sul sito www.danielecesconetto.com.

Io credo ci riuscirà!

Ciao,

Alberto

(@per4piedi)

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...