Godetevi la stanchezza.

Ho aspettato che fossero le 16 e 16 del primo sabato di autunno. Poi ho iniziato a scrivere.

Non c’è un motivo, mi piace il suono che fa il numero 16 quando lo si pronuncia.

Benvenuto Autunno

Mi piace sempre più questa stagione. Parte malinconica e poi dà la carica alla forza rigenerante dell’inverno, dentro cui si schiude sempre una nuova primavera.

Vorrei parlare di due argomenti: la stanchezza che provo in questi giorni e l’importanza di passeggiare.

Mi rendo conto che quest’anno, e ogni suo giorno, per come li sto vivendo, mi hanno regalato moltissimo, il mondo intero, e ancora non si fermano. Ma in cambio, hanno preteso e pretendono tante energie.

È normale, naturale, perché sono un essere umano.
Sono a Levico, domani c’è la Trentina, una gara di 30 chilometri lungo un tracciato stradale bellissimo, attorno ai laghi di Levico e Caldonazzo. 

E poi ci saranno alcune delle ragazze della squadra di #RuntoNYC di Diadora, c’è la SPA in albergo, 10 km corsi agilmente attorno al lago, birra ghiacchiata presa al chioschetto e bevuta con i piedi nell’acqua del lago. E c’è tutto il luna park delle gite fuori porta.

Io avrei dormito tutta la mattina perché sono stanco. 

Per vari motivi, più un anno.

E almeno fino a metà novembre devo tirare come un bufalo.

Perchè bisogna averne di energia per stare sulle montagne russe.

L’altra questione è passeggiare.

Ecco, ieri sera ho fatto una bella passeggiata, ho chiacchierato, ho bevuto qualcosa da una ciotola di rame, mi sono goduto la compagnia e la luna.

Sono stato bene. 

E anche se ero molto stanco, mi sono goduto il momento presente. 

Per andare oltre bisogna rallentare.

Il mio qui e ora ha tanti impegni e molta stanchezza, però credo che abbiamo un obbligo verso noi stessi: dare un senso alla nostra stanchezza.

Perché noi siamo vivi e siamo stanchi, ma siamo vivi e stanchi di cuore, per tutta la passione che pulsa dentro forte.

Dare un senso alla propria stanchezza significa riconoscerla, accettarla, accoglierla, capire che dietro a lei ci sono tanti meriti. 

La stanchezza ci permette di avanzare crediti nei confronti della Vita. Ma bisogna godersela e ogni tanto staccare.

Quindi vi auguro e mi auguro di goderci la stanchezza e di staccare la testa pur non abbandonando mai quei sogni e progetti che danno senso al cielo sopra queste parole.



Alberto

(@per4piedi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...