La versione di Jakob (Ingebrigtsen). Una storia sul tempo.

Il primo post dell’anno scorso l’ho dedicato a raccontare un sogno, che poi si è realizzato, grazie soprattutto alla tenacia ed al coraggio della protagonista. Ad al suo sorriso.

Quest’anno inizio raccontando una storia sul tempo.

Non sul tempo qualunque, libero o ritagliato che possa essere, distrattamente, tra un impegno e l’altro.

Ma sul tempo di qualità. E vi porto in pista, a conoscere Jakob Ingebrigtsen.

Credit: Ulrik – https://www.dagbladet.no/sport/jakob-ingebrigtsen-star-over-diamond-league-finalen/70150927

Alcuni giorni fa ho letto questo articolo dedicato allo stile di allenamento, intenso e preciso, che Jakob segue, sotto la guida del padre – allenatore, vita e famiglia dedicate all’atletica.

Credo che questo approfondimento possa interessare gli appassionati di tabelle e routine di allenamento.

Ammetto che a me ha incuriosito un aspetto diverso, più da dietro le quinte, ma fondamentale come allacciarsi le scarpe: il tempo che Jakob dedica a se stesso e alla realizzazione dei propri obiettivi. Momenti di pausa compresi.

Il top runner norvegese alterna giorni di allenamento intenso, sopra soglia, oltre il limite insomma (high) a giorni di riposo, a volte anche totale, sauna inclusa e l’arte del cazzeggio (low).

In sintesi: highlowhighlow.

Per riuscire a concretizzare questo mantra moderno, il combattivo Jakob deve fare due cose prima: alzarsi dal divano (anche per entrare in sauna) e prendersi il suo tempo.

Jakob è uno che vuole vincere, e ha già vinto tanto. Quindi per lui il tempo è fondamentale, un compagno di gioco, mi viene da dire, dal momento che è nato nel 2000. Un millennial!

Tempo.

Quando si allena in pista o in palestra, il giovanotto mette la massima intensità in ogni secondo. Si concentra su ogni passo, su ogni suo respiro. Sul presente.

Poi si concentra sul riposo, e allora tempo per lo stretching, per la meditazione, per le dormite e per la sauna. E per il silenzio. Ricordandosi di disconnettersi. Di nuovo: resta nel presente.

E poi ricomincia.

Jakob ha una settimana scandita al minuto, è un professionista, questa è la sua scelta, al momento.

È giovane, cerca il proprio equilibrio, e per farlo continua a muoversi.

Highlowhighlow.

L’arte di giocare intensamente e di prendersi delle pause nette.

Se sostituiamo la corsa di Jakob con i nostri sogni e progetti e buoni propositi ed intenzioni migliori e quello che volete, dobbiamo fare le stesse cose del nostro amico campione europeo.

Alzarci dal divano e pretenderci il nostro tempo di qualità.

Prima di tutto per noi stessi.

Dedicarci i momenti, gli attimi, quelli intensi e quelli distesi. Dedicarci ogni goccia di adrenalina, ogni grammo di silenzio.

Questione di atteggiamento, di dedizione, di volerci del bene.

Ma chi è Jakob Ingebrigtsen?

È un 18enne, nato a Sandnes, Norvegia, mezzofondista e siepista: corre in pista, insomma.

E corre veloce. Il 10 agosto del 2018, a Berlino, conquista l’oro sui 1.500 metri, più giovane atleta della storia a vincere un titolo europeo, nonché primo nato nel nuovo millennio. Ventiquattro ore dopo, con il nuovo record europeo under 20 sui piedi, vince i 5.000 metri, davanti al fratello Henrik.

Vanno forte i norvegesi, si prendono tutto il tempo che serve.

Buon anno, buon anno davvero,

Alberto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...